Archivi tag: Il Professionista

Anche gli angeli mangiano kebab letto dal Professionista

 

“Una Milano senza pietà per Sauro Badalamenti. Un Foderaro più lungo, più duro, senza sconti per nessuno…”
(Stefano Di Marino)

Commenti disabilitati su Anche gli angeli mangiano kebab letto dal Professionista

Archiviato in romanzi

I duri del giallo milanese

 

Giuseppe Foderaro, Ferdinando Pastori, Stefano Di Marino, Jack Narciso, Andrea Carlo Cappi

Commenti disabilitati su I duri del giallo milanese

Archiviato in Presentazioni

Giuseppe Foderaro e “La Scuola dei Duri del Giallo Milanese”, con Andrea G. Pinketts, Andrea Carlo Cappi, Stefano Di Marino, Jack Narciso e Ferdinando Pastori

Commenti disabilitati su Giuseppe Foderaro e “La Scuola dei Duri del Giallo Milanese”, con Andrea G. Pinketts, Andrea Carlo Cappi, Stefano Di Marino, Jack Narciso e Ferdinando Pastori

Archiviato in Presentazioni

Sul n. 2 della rivista Action, il racconto “Voragine a Milano” di Giuseppe Foderaro

Action 2

Scarica la rivista in formato PDF da:

http://www.dbooks.it/libreria/scheda/114/14/giallo-e-thriller/action-02.html

Commenti disabilitati su Sul n. 2 della rivista Action, il racconto “Voragine a Milano” di Giuseppe Foderaro

Archiviato in eBook, Racconti

La valigetta dei miracoli

Roberta Alizee Cusimano

Roberta Alizee Cusimano (ph: Vasilos Valassis)

Sauro Badalamenti fissava Roberta con gli occhi di chi non può sbagliare. Bastava un movimento falso per farla scattare: la lunga lama nella mano destra o il cacciavite nella sinistra non avrebbero fatto differenza, da quella distanza. E dire che era andato a casa di Erica Nardi senza nemmeno un’arma, con una sola bottiglietta di cedrata, l’unico cibo di Roberta, l’unico amico che non la giudicava mai. Sapeva che quella era la chiave per la mente di Roberta, ma non pensava, Sauro, che avrebbe dovuto scassinare la porta di casa Nardi. Non pensava di trovare Roberta intenta a truccare la sua nuova bambolina. Lei credeva di doverle ripagare il favore, l’umiliazione di averla conciata di nuovo come una puttana, ma non capiva di essere una modella come le altre, niente di più. Dietro quelle sue mani ossute, armate e tremanti, Erica. Supina, addormentata, imbellettata. La valigetta dei miracoli di Roberta era diversa da quella della sua make-up artist: un punteruolo per kajal, un pugnale per rossetto, la pinza come un piegaciglia, una pialla portatile per cipria e fard. La bambolina senz’occhi, senza guance e senza labbra navigava in un mare di sangue, una ciocca di ricci rossi nella bocca. “Coraggio, è finita. Metti giù quelle cose.” Ma la calma assertiva di Sauro non aveva nessun effetto su di lei. “Un solo passo e t’ammazzo. Lo faccio davvero. Non ho nulla da perdere.” rispose. Davide poteva fregare Golia. Ma Golia aveva la fionda di Davide. “Ti ho portato la cedrata. Su, prendila, e poi me ne vado.” Con lo sguardo fisso su di lui, fece scivolare il cacciavite lungo le esili gambe, per poi allungare il braccio. Era fatta: uno scatto secco e l’avrebbe immobilizzata. Ma Roberta era scaltra, e fu lesta nello scostargli la mano e scagliare il coltello all’altezza del cuore. Due mosse e fu a terra, la spalla lussata. Era vivo, ma ci aveva rimesso la giacca.

Commenti disabilitati su La valigetta dei miracoli

Archiviato in eBook

La prefazione di Stefano Di Marino all’eBook “Il Dinosauro” di Giuseppe Foderaro (Sangel Edizioni)

Stefano Di Marino

Lo scrittore Stefano Di Marino

Strana città Milano… ci sono nato e vi ho trascorso gran parte della mia vita (a eccezione di lontane fughe in paesi esotici che fanno ugualmente parte del mio vissuto personale e autoriale). Ci ho lavorato per più di vent’anni e, a un certo punto, mi sono svegliato senza riconoscerla più.

Un impatto considerevole, soprattutto per la mia natura di narratore che sino ad allora aveva cercato suggestioni straniere, esotiche, lontanissime, legate a modelli avventurosi dell’infanzia. Di colpo mi sono accorto che non era più quella metropoli avvolta dalla nebbia e dallo smog, un po’ grigia, provinciale malgrado tanta strombazzata modernità, in pratica lontana dai miei modelli immaginari.

Era diventata una città multietnica, variegata, con mille realtà di chi i soldi ce li ha e di chi sarebbe disposto a tutto per averli. Una città fatta di intrighi, crocevia di traffici che partono a volte da lontanissimo ma che finiscono proprio a incepparsi qui tra case d’appuntamenti di lusso, night club alla moda, quartieri popolari abitati da malavitosi al confino e da altri che neanche parlano italiano.

Una città dove la nebbia si è improvvisamente colorata di sfumature più accese, altrettanto mefitiche ma che ha rivelato sprazzi di territorio nuovi. Negli ultimi anni quasi tropicali.

Alla fine un set ideale per storie noir e d’azione, thriller e spy story.

Gangland, l’ho chiamata nei miei romanzi. La città delle bande, uno scenario simile a Hong Kong e a Los Angeles, ma anche alle città del Far West. Dove ogni peccato e ogni crudeltà sono possibili e ogni soluzione può essere accettata.

Gangland. Da anni mi ci muovo con i miei personaggi, riscrivendone la geografia criminale, la mitologia narrativa. Facendola mia.

Poi arriva questo tizio col cappellino da baseball e gli occhialoni, l’aria furbetta di quello che ci prova con tutte le ragazze (e a volte ci riesce), che è di compagnia quando gli altri si lagnano, che ti strappa una risata ma ha sempre quello sguardo diretto lontano.

No, non è Sauro Badalamenti. Quello è il suo alter ego, il suo personaggio. Lui è Giuseppe Foderaro. Sempre pronto a una bevuta e a una risata. Uno che, come dice lui, si muove negli ambienti underground. Uno che in Gangland ci sta benissimo. Anche perché quando non ti stende con battute fulminanti ti propone un romanzo noir completo, arguto, che rivela sensibilità, capacità di scrivere e una notevole cultura che viene sottesa e non sbandierata. Come credo debba essere.

E il suo Sauro, detective ironico e serio quando è il momento, a Gangland ci sta ancora meglio. Anzi, mi piacerebbe proprio averlo come co-protagonista in una delle mie storie. Intanto leggetevi le sue. Ridete, tremate, avventuratevi nelle vie di una città come non ne avete mai viste…

O forse che avete sotto gli occhi tutti i giorni e neppure ve ne siete accorti.

82_ildinosauro

Commenti disabilitati su La prefazione di Stefano Di Marino all’eBook “Il Dinosauro” di Giuseppe Foderaro (Sangel Edizioni)

Archiviato in eBook

Il Dinosauro, l’eBook

Il trailer dell’eBook “Il Dinosauro” di Giuseppe Foderaro (Sangel Edizioni)

Commenti disabilitati su Il Dinosauro, l’eBook

Archiviato in Booktrailer, eBook

IL DINOSAURO, l’eBook di Giuseppe Foderaro con la prefazione di Stefano Di Marino

82_ildinosauro

È in uscita nel mese di agosto per Sangel Edizioni “Il Dinosauro”, l’eBook dello scrittore milanese Giuseppe Foderaro, con la prefazione di Stefano Di Marino.

Cinque micro racconti thriller, fulminei e agghiaccianti, cinque nuovi casi per il detective assicurativo Sauro Badalamenti, già protagonista del fortunato romanzo “Torre di controllo”, scritto da Foderaro ed edito sempre da Sangel.
L’eBook avrà il prezzo di copertina di soli € 2,50 e il ricavato sarà interamente devoluto all’IRST, Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori.

Commenti disabilitati su IL DINOSAURO, l’eBook di Giuseppe Foderaro con la prefazione di Stefano Di Marino

Archiviato in eBook